Dalla SP73 a Rossiglione attraversando il Faiallo, le Valli Stura e Orba: un percorso tra il verde e l’azzurro

Dai panorami ampi e luminosi lungo la strada verso il passo del Faiallo alle tranquille stradine protette dalle fronde degli alberi delle Valli Stura e Orba, questo itinerario si sviluppa tra le province di Genova e di Savona alla ricerca di borghi antichi e di una natura selvatica ma accogliente.

La maggior parte del percorso si trova all’interno del Parco del Beigua, il più vasto parco naturale regionale della Liguria famoso per l’elevata biodiversità, la ricchezza di una flora estremamente diversificata e le sue peculiarità geologiche, che gli hanno valso il riconoscimento come Geoparco nell’ambito della rete globale dei Geoparchi dell’UNESCO.

L’itinerario motociclistico si apre con un lungo tratto della strada del Faiallo, splendido percorso che attraversa parte dell’Appennino Ligure regalando emozionanti panorami che si schiudono ad ogni curva sulla città e sul litorale. Dopo aver attraversato le frazioni di Vara superiore e Vara inferiore, si arriva a San Pietro d’Olba, centro principale del Comune di Urbe, dove si può visitare l’antica ferriera, risalente al XVI secolo; proseguendo lungo la SP49, si arriva a Palo, frazione del Comune di Sassello, famoso per gli squisiti amaretti prodotti artigianalmente. Lungo tutto il percorso è possibile vedere, disseminati tra i campi, tipici esempi di antiche abitazioni a capanna e seccatoi, testimonianza della secolare presenza contadina.

Ripercorrendo a ritroso la SP49 e imboccando la SP53 si procede verso Martina d’Olba per poi raggiungere Tiglieto. Questo delizioso paese, che mostra tracce di insediamenti risalenti all’epoca romana, ospita la prima abbazia cistercense d’Italia e la prima costruita fuori dalla Francia: l’Abbazia di Santa Maria della Croce, meglio conosciuta come Badia di Tiglieto, edificata nel 1120 e ancora abitata dai monaci.

Recentemente restaurato, il complesso della Badia è costituito da una maestosa chiesa che presenta caratteri romanici e gotici, un convento, un chiostro e una bella sala capitolare; l’edificio si erge su una piana circondata da un grande parco e da alberi secolari che ne esaltano la suggestione. Poco lontano, merita una visita anche l’antico ponte romanico in pietra, sotto il quale scorre l’Orba, lungo le cui sponde si trovano deliziose spiagge naturali dove è piacevole soffermarsi per un bagno.

Riprendendo la strada provinciale si giunge a Rossiglione dove il percorso si conclude. A breve distanza si trova Campo Ligure, uno dei borghi più belli d’Italia e centro d’eccellenza per la lavorazione della filigrana, che ospita un affascinante il castello, edificato nel 1309 dagli Spinola su un’altura sovrastante il centro storico.

In valle è poi possibile gustare alcuni prodotti tipici, frutto di un territorio che a tratti ricorda quello alpestre: latte e prodotti caseari, carni genuine, frutti di bosco, marmellate e sciroppi.